Life to ideas… on the road

Giulia Francescon

DATA: 10 Luglio 2017

Un appuntamento ormai imperdibile quello con il Web Marketing Festival per il nostro digital team, che lo scorso 23 giugno è partito alla volta del Palacongressi di Rimini per due giorni di formazione, networking e un po’ di sano divertimento.

Con le 6.000 presenze di quest’anno il Web Marketing Festival si conferma uno degli eventi italiani più completi in ambito Digital Marketing.

Il nostro team si è diviso tra varie sale per raccogliere il maggior numero di spunti e stimoli esterni e riportare un fermo immagine delle novità a tutta l’agenzia.

Tra 30 aree formative e 200 relatori non è stato affatto facile scegliere a quali speech assistere: dai contenuti più “umanistici” come il content marketing, lo storytelling e la social media strategy a quelli più numerici, come la Web Analytics, ci siamo mossi alla ricerca di un filo comune.

Anche se in realtà è proprio tra queste aree, quella più razionale dei numeri e quella che tratta gli aspetti relazionali, che non esistono più distanze da colmare. Già, perché se il marketing di oggi ci sta insegnando qualcosa è che tra uomini e numeri non esiste alcuna differenza. Le persone sono i nuovi numeri e i comportamenti sono i nuovi dati da analizzare.

Se dovessimo riassumere in hashtag  – o in keyword, per gli amanti del SEO – quest’edizione del Web Marketing Festival parleremmo di #programmatic e di #chatbot, ma anche di #smartdata, il tutto passando per un altro approccio human-centered, quello del #designthinking, una metodologia progettuale importata da Stanford che viene sempre più adottata quando un cliente condivide un brief e un progetto prende vita a quattro, sei o anche sedici mani.

La parole chiave di questa nuova evoluzione? Quella che servono per far funzionare ogni rapporto: l’empatia e… la capacità di mettersi nei panni dell’altro.

Le sale Web Marketing Festival offrono un’occasione imperdibile di interazione con altri esperti del settore che condividono case history reali di cui fare tesoro per stimolare riflessioni che possono aiutare a migliorare la nostra strategia e il nostro metodo di lavoro. Portiamo quindi con noi moltissimo da queste due giornate – che nella prossima edizione diventeranno tre – davvero molto intense dedicate alla formazione, all’innovazione e a temi di attualità sociale.

Non ci resta che dire… arrivederci al prossimo anno!

#lifetoideas