Don’t stop breathing

Naike Saretta

DATA: 23 Ottobre 2015

La nostra visione diventerà più chiara quando guarderemo nel nostro cuore.
Chi guarda all’esterno sogna. Chi guarda all’interno si sveglia.

Ammetto che è un po’ strano prendere spunto da una frase così in un blog di comunicazione, ma comunicare è anche questo, CONDIVIDERE, e quindi, perché non farvi vedere qualcosa da un altro punto di vista per incuriosirvi, ispirarvi , o anche solo, scatenare una riflessione?!

Non sono folle, né tantomeno visionaria o mistica, ho solo notato che da un anno a questa parte, tutto ciò che mi accade, le persone che incontro, le scelte che faccio, anche inconsciamente, tutto mi riposta allo stesso messaggio:

 
RESPIRA, MA SOPRATTUTTO, RESPIRA TE STESSO”.

 
Questo non vale solo per la vita personale, ma riguarda tutti gli aspetti, il percorso lavorativo, il rapporto con gli altri e/o all’interno di un Team, le ambizioni… Sì, perché molto spesso mi sembra che siamo tutti assopiti, schiavi di stereotipi, di pensieri e pregiudizi che provengono da altri e ci influenzano, o ancora, siamo ancorati all’immagine che le persone che ci stanno accanto, al lavoro, in famiglia o gli amici, hanno di noi e il risultato è che non ci viviamo, non viviamo chi siamo veramente.

Mi sono resa conto che la nostra mente è sempre in movimento, non si ferma mai, e questo spesso ci impedisce di goderci l’attimo presente e sentire le nostre emozioni; intendo anche le piccole cose, come il piacere di goderci un successo, stupirci di una telefonata inaspettata, farci contagiare dal sorriso e la positività delle persone che incontriamo, e questo perché alla fine siamo sempre troppo impegnati a vivere nel passato o nel futuro, ma raramente viviamo la realtà dell’attimo presente; è come se ci sabotassimo e facessimo tutto per rendere la nostra vita sempre più difficile di quello che realmente è.

 

TAKE LIFE EASY.

 

Dobbiamo imparare a conoscerci meglio, per essere di più per il mondo.

 

Tutti parlano di Leadership, come la chiave per il successo, ma ci siamo mai chiesti chi è veramente un leader, a parte per il successo che ottiene e la folla che incanta?!
Quindi mostrare leadership non è solo avere ottime capacità di business, finanza, controllo, gestione, organizzazione etc etc, ma implica di avere la forza di accettare ogni parte di sé, le parti che ci piacciono e quelle che piacciono meno e questo si farà ancora più chiaro nella relazione e condivisione con gli altri, perché in fondo, pensateci, il più delle volte ciò che ci irrita negli altri è molto spesso ciò che ci infastidisce di noi stessi.
Quello a cui ciascuno di noi dovrebbe allora aspirare è la LEADERSHIP INTERIORE, cioè la scoperta di sé stessi e la creazione di valore secondo ciò che vorremmo veramente essere.

Dovremmo riscoprirci per vivere quello che durante la nostra infanzia affiorava in modo naturale e che ci siamo persi per strada: parlo dello stupore per le piccole cose, la visione del futuro sempre positiva, il vivere le proprie emozioni in modo naturale, l’immaginare o visualizzare le cose che si desiderano per renderle, prima o poi reali, ed infine il divertimento, perché sappiate che in un contesto lavorativo, in cui è richiesta sempre, professionalità, serietà e responsabilità, un sorriso, una buona atmosfera o uno spirito gioioso, ISPIRANO e CONTAGIANO, permettendo di raggiungere in modo più fluido ed efficace i risultati.

Quindi, nonostante tutto, quello che dovremmo sempre tenere presente è che siamo noi a determinare la nostra realtà attuale, la riuscita o meno dei nostri successi e che perché un TEAM diventi forte e potente è necessario che ogni individuo nutra la sua identità.

 
IL SEGRETO È….CONTINUARE A RESPIRARCI.

 

BLOG_Ad010