UN'ALTRA MODA. DONDOLARSI TRA ARTE E FOTOGRAFIA. - AD
52467
single,single-post,postid-52467,single-format-standard,edgt-core-1.1,ajax_fade,page_not_loaded,,ad010 child-child-ver-1.0.0,ad010-ver-1.3, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.1,vc_responsive

UN’ALTRA MODA. DONDOLARSI TRA ARTE E FOTOGRAFIA.

Shooting fotografici moda ad010

UN’ALTRA MODA. DONDOLARSI TRA ARTE E FOTOGRAFIA.

L’insieme è qualcosa di più della somma delle singole parti.


Ci hanno sempre insegnato questa “massima” che pesca da un ramo della psicologia, ma si fonda anche su una consapevolezza empirica. È quando si scopre che esiste un valore aggiunto, un “di-più” che nasce inaspettato.
Quando questa sorpresa inizia a diventare una consapevolezza, è li che inizia il percorso della ricerca innovativa, del gusto per il bello che esce dagli schemi e che va di pari passo con il desiderio di spostarsi dalla comfort-zone.
Ed è con entusiasmo che pubblico questo progetto, nato per gioco, fatto con amore.


Un modo assolutamente personale e artistico di raccontare un servizio fotografico, a cavallo tra lo storytelling, lo shooting di moda, attraverso l’arte della fotografia, esplorando senza ostacoli mentali luoghi e situazioni.
Giulia Agostini, fotografa d’arte, ha uno sguardo intrigante e per nulla scontato sulla donna, sulla femminilità e ha uno stile che ho trovato subito perfetto per questo progetto. Cruda, schietta e con un proprio linguaggio contemporaneo che mescola romanticismo e spudoratezza, in un dialogo fluido tra corpo e spazi architettonici, tra pieni e vuoti, tra dentro e fuori.


Alicesofia è un attrice prima ancora che modella e il suo modo di posare sembra nato per avere un feeling naturale con l’obiettivo di Giulia e con il racconto fotografico.
E poi la moda. Non quella che ci mostra le news e le tendenze della stagione. Ma quella eterna, fatta di prodotti di qualità e design destinato a durare per sempre. Assieme ai capi usciti dalla macchina da cucire della mamma. Quella moda che non ha il compito di vendere, ma che si concede di allargare i propri orizzonti verso l’arte.


Il tutto condito con i profumi della realtà e quel senso di intimità e freschezza autentici.

Andrea

Nessun commento

Invia un commento